Skip to content

Dieci giochi da aspettare nel 2012 – Parte 1

by su 24 gennaio 2012

Due Maya che ballanoOvvero, una bella top-10, quasi un top-qualcosa (ma non mi viene in mente cosa). A dire il vero la lista l’avevo bella e pronta per farci qualcos’altro su un altro sito, ma poi mi sono ritrovato a sbattermela in faccia e quindi perché non tirarla fuori qui? La sputo fuori in cinque appuntamenti, ciascuno contenente… uhm… (calcola calcola calcola calcola…) due giochi. Tutti ordinati senza un particolare ordine, per cui NO, non potete lamentarvi che “Eh! Ma Super Minchiolo è più atteso di Gnafozzo III che è pure un seguito e puzza?”. Mi spiace, no. Buona lettura!

Dishonored (Arkane Studios, PlayStation 3, PC, Xbox 360)

Dishonored di Arkane Studios

Stile grafico fumettoso e visuale MOLTO in prima persona per Dishonored

Che roba è?: gioco d’azione in prima persona. Intendo, molto, molto in prima persona, con tutti quei movimenti di camera che fanno tanto Bioshock/Breakdown e che favoriscono un sano flusso di vomito in certe persone. Vale la pena citare la sintesi tratta dal sito ufficiale del gioco:

“Ex guardaspalle dell’Imperatrice accusato ingiustamente della sua morte, ti sei trasformato in un famigerato assassino assetato di vendetta. La spaventosa maschera che indossi è diventata il tuo biglietto da visita… Mentre attraversi un mondo devastato dalle pestilenze e oppresso da un governo che fa uso di strane e nuove tecnologie, la verità dietro al tuo tradimento si rivelerà oscura come le acque che circondano la città. Le scelte che compirai determineranno il destino del mondo, ma qualunque cosa accada, il tuo passato è sepolto per sempre.”

Fa un certo effetto, eh? Anche se in effetti mi sfugge il concetto di “guardaspalle”.

Perché bisogna attenderlo?: Perché è sviluppato da Arkane Studios, un team che ha due attributi di questa portata e che in passato ha sfornato Arx Fatalis. Non penso serva sapere altro. Ah, si: pare anche bellissimo.

The Last of Us (Naughty Dog, PlayStation 3)

The Last of Us, con insetti giganti

Da cosa sta sfuggendo ‘sto tizio portandosi appresso la figlia? E sopratutto, dove stanno gli insettoni?

Che roba è?: sbucato un po’ dal nulla dopo una mezza campagna di viral marketing decisamente “moscia”, The Last of Us è la reinterpretazione da parte di Naugthy Dog (quelli di Uncharted, Jak & Dexter e Crash Bandicoot) dell’abusato concept “Oddio, sto in mezzo ad una merdocalypse, ho poche munizioni, vogliono mangiarmi e devo pure portarmi appresso ‘sta frignona che sembra Amy“. Del gioco in effetti si conosce ben poco al di la di un’ambientazione di massima (mondo post-qualche-tipo-di-disastro) e della presenza di insetti giganti. In sviluppo per PlayStation 3, ma secondo qualcuno arriverà anche su Vita.

Perché bisogna attenderlo?: perché è sviluppato da Naughty “Siamo cazzutissimi” Dog, il miglior team di sviluppo attualmente sul mercato assieme a Bungie. E perché non vedevo l’ora di vederli al lavoro su qualcos’altro al di la delle avventure di Nathan Drake, che con Uncharted 3 si sono rivelate molto, molto, molto stanche. Un po’ di aria nuova e qualche insetto gigante non può che fare bene a loro e (sopratutto) a noi. Lo candido già al titolo di Gioco dell’Anno 2012. Almeno per PlayStation 3.

From → Parachiacchere

Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: