Skip to content

Xbox 720: sola soletta?

by su 15 febbraio 2012

Xbox 720 e solitudineRicordate quando Xbox 360 arrivò sul mercato? Attorno a se aveva una situazione decisamente particolare: era circondata da gente. Bungie la teneva per mano, Bioware le saltellava attorno, MistWalker stravedeva speranzosa, Rare sembrava particolarmente affamata di rivalsa e, insomma, c’era uno stuolo di sviluppatori pronti a creare giochi in esclusiva per la console. Era il 2005. Facciamo un salto in avanti, ai nostri giorni: notate qualche differenza?

Halo 4

Halo 4 è il primo episodio NON sviluppato da Bungie: una prova su strada fondamentale per la saga e la nuova software house creata da Microsoft appositamente per portarla avanti. Una bella scommessa, a dire il vero.

Diciamo che la situazione è un tantinello cambiata in termini di supporto, specialmente per quanto riguarda le collaborazioni esclusive. La differenza più netta è l’abbandono di Bungie (si, quelli di Halo, semplicemente il franchise più importante in mano a Microsoft), che ansiosa di scoprire nuovi orizzonti e di ritrovare la perduta autonomia ha abbandonato Microsoft Game Studios ed finita sotto l’ala protettiva di Activision: qualsiasi cosa uscirà sotto marchio Bungie sarà multipiattaforma e arriverà dunque anche su altre console. Una bella mazzata, se pensiamo cosa ha significato Bungie per Microsoft. Certo, la società non è stata ferma a guardare e ha “assemblato” una specie di “dream team” per portare avanti la saga di Halo (343 Industries): il giudizio sull’operato della nuova software house è però sospeso fino all’uscita di Halo 4, vera e propria prova del fuoco per 343 Industries e sopratutto per la saga.

Mass Effect diventato multipiattaforma

Da un paio di anni il rapporto di esclusiva tra Microsoft e Bioware si è risolto in un rumoroso peto. Quanto avrebbe giovato un Dragon Age esclusivo su Xbox 360, per esempio?

Bungie non è stata però l’unica defezione. Bioware le è andata dietro molto rapidamente, dopo un buon rapporto con Microsoft che ha portato alla creazione in esclusiva (su console) di Star Wars: Knights of the Old Republic, Jade Empire e sopratutto Mass Effect, vera e propria killer application di Xbox 360. Passata sotto Electronic Arts, Bioware ha iniziato immediatamente a sviluppare multipiattaforma, portando subito subito Mass Effect anche su PlayStation 3.

In entrambi i casi due team fondamentali per il successo della console targata Microsoft sono stati acquisiti da un grosso publisher. Al che ci si domanda: non poteva fare lo stesso Microsoft, che probabilmente qualche soldino da spendere in tasca se lo ritrovava?

Blue Dragon

Forse Microsoft poteva provare a creare una saga con Blue Dragon, pubblicando almeno un secondo capitolo? Per la cronaca, Mystwalker ha poi realizzato su Wii il valido The Last Story...

Ancora: la MistWalker di Sakaguchi ha debuttato fianco a fianco con Xbox 360, pubblicando un paio di JRPG che ai tempi sembravano una splendida base per il lancio giapponese della console. Ok, i due giochi in questione non hanno venduto tantissimo e sopratutto non hanno spinto la console in Giappone (cosa che non sarebbe riuscito a fare neppure un reattore nucleare, per inciso…), ma in ogni caso i rapporti tra Microsoft e la software house sono stati praticamente troncati, con ben due giochi cancellati. Scelta troppo repentina? Magari un altro paio di titoli esclusivi giapponesi avrebbero comunque giovato alla lineup della console?

Calando un velo pietoso sul rapporto tra Microsoft e Silicon Knights (Too Human? Davvero qualcuno decise di investirci soldi dopo averlo visto?) possiamo invece rivolgere l’attenzione a Remedy, che da mesi parla malissimo del rapporto con Microsoft e di quanto sia stato “spinto” male Alan Wake, etc, etc…

Resta Epic Games, apparentemente “affezionata” alla console ma perennemente circondate da dichiarazioni tipo “Gears of War multipiattaforma? Uhm… magari no. O forse… boh? Chissà?”. Sicuri sicuri che rimarrà fianco a fianco con Microsoft quando debutterà la nuova console priva della base installata di Xbox 360?

Rare? Ormai Kinect è il suo “reame”, a quanto pare, e credo che difficilmente la situazione cambierà con la prossima console. Il che non significa che non realizzino buoni giochi, per carità. Ma quanti di voi li vorrebbero vedere al lavoro su un nuovo Perfect Dark piuttosto che su Kinect Sports 720?

Alan Wake

Lo sviluppo di Alan Wake è stato molto turbolento per Remedy, che ha più volte lamentato problemi di collaborazione con Microsoft, fino ad arrivare alla denuncia di scarso supporto al lancio del gioco (che, in effetti, ha venduto pochino...)

Insomma, la prossima console di Microsoft si presenterà sul mercato senza quell’entourage di software house che aveva circondato Xbox 360. Una situazione che, per carità, potrebbe cambiare radicalmente con un paio di mosse ben assestate e qualche accordo di esclusività, ma per come stanno le cose ora è chiaro che Microsoft ha deciso di abbandonare la strada di una forte squadra “first party” in favore di buone collaborazioni più o meno esclusive con terze parti. Una filosofia che ora come ora sta pagando bene, ma potrà essere reiterata al lancio di una nuova console?

Alla prova dei fatti, Microsoft si presenza ai nastri di partenza con tre brand “forti” di sua proprietà (Halo, Forza Motorsport e Fable) e uno di terze parti (Gears of War): pochino per affrontare aggressivamente la prossima generazione, non trovate?

From → Parachiacchere

5 commenti
  1. Molto pochino.
    Ci sarebbero pure quei 3-4 team interni creati ad hoc ormai un paio di anni fa di cui però non si è mai visto niente. Tra cui ricordiamo MGS Vancouver, MGS Redmond, MGS Victoria, Leap e il recente acquisto di Twisted Pixel.

    qui elencano anche un MGS Soho e un fantomatico Platform Next Studio.
    http://en.wikipedia.org/wiki/Microsoft_Studios_(game_studio)

    • Per carità, magari hanno un sacco di roba che “bolle in pentola”. Però ora come ora non hanno annunciato/mostrato nulla che sopperisca a due perdite così grandi come Bungie e Bioware.

  2. AVV. permalink

    purtroppo non servono più a niente 10 esclusive, anche di qualità

    ma un super blockbuster in esclusiva per un anno…..

    secondo me è possibile che a inizio next-gen sony e M$ facciano una politica di esclusive a tempo (6-12 mesi) sui titoli top (COD ecluso, guadagna troppo per comprarne l’esclusività) per poi tornare alla situazione attuale quande le console avranno una base installata “sicura”

  3. Heya i am for the first time here. I found this board and I find It really helpful & it helped me out a lot. I’m hoping to provide something back and aid others like you helped me.

Trackbacks & Pingbacks

  1. Next-Gen: un anno dopo « Il Paradroide

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: