Skip to content

L’urlo lontano 2

by su 1 marzo 2012

Far Cry 2Il prossimo arrivo di Far Cry 3 ha scatenato in me una certa ansia. Sapevo che, tramite l’ennesima offerta su Play.com, mesi e mesi fa mi ero portato a casa il secondo episodio di questa saga-non-saga di Ubisoft. Forse era il caso di ritrovarlo: dopo aver spulciato ovunque eccolo li, sotto un Dragon Age ancora nel cellophane, Far Cry 2 per Xbox 360. Edizione speciale, tra l’altro, con la sua scatolina in metallo e la sovraccopertina con le fiamme. Soldi ben spesi. Magari era venuto il momento di provarlo pure, il gioco…

Ficcato il gioco nella console e gustata la simpatica sequenza iniziale, col doppiaggio degli autoctoni tutto sommato riuscito nella sua inflessione franco-romanaccia (tranquilli, sarà così per TUTTO il gioco) ci ritroviamo in Africa nel bel mezzo di una guerra civile, malati di malaria e armati con una pistola a elastici e un machete arrugginito. Non male.

Far Cry 2 Machete

Trascorreremo le prime orette a giocare con la fisica, a incendiare e fare esplodere cose e a colpire tutto quello che ci capita col machete. Poi ci si inizia ad annoiare un po’…

Inizialmente ci viene buttata in faccia la trama: guerra civile, trafficanti di armi da far fuori, fazioni in lotta, etc, etc. Dopo 10 minuti ve ne siete dimenticati e state correndo per le praterie armati di machete, estirpando qualsiasi arbusto che vi capiti a tiro per provare il motore fisico del gioco (si, anche perché le granate le avete terminate al primo albero incontrato).  Fatto quello si inizia a giocare col fuoco, incendiando qualsiasi cosa ci capiti a tiro. QUALSIASI. Poi si inizia a cercare di capire cosa è distruttibile e cosa no, colpendo col machete qualsiasi oggetto, dalle casse di legno ai fagoceri. Quando poi ci si schianta finalmente con un SUV su una baracca di cartone che resta perfettamente intatta – mentre il nostro mezzo salta in mille pezzi – la sperimentazione finisce e iniziamo finalmente a giocare…

Far Cry 2 X360

Il gioco è un gran bel vedere e risulta quasi sempre molto fluido.

Far Cry 2 mi sta insegnando tutta una serie di cose riguardo l’Africa che ignoravo TOTALMENTE: è in effetti uno di quei giochi in grado di arricchire la cultura del giocatore. Tra le nozioni acquisite vale la pena segnalare:

– In Africa c’è la sterpaglia eterna. Potete bruciarla una volta. Poi di nuovo. Poi di nuovo. E poi ancora di nuovo. Continuerà a bruciare. Coltivandola su larga scala avremmo risolto i problemi di produzione energetica del mondo. E saremmo tutti un po’ più piromani.

– In Africa non ci sono i soldi per comprare il cibo o le medicine. Si, perché sono TUTTI stati spesi in Tom Tom. Ogni mezzo, anche l’auto più arrugginita trovata in una discarica, ha un navigatore bello e funzionante. In Africa non conoscono bene il concetto di “priorità”

– Gli Africani sono RESISTENTISSIMI. Puoi scaricargli addosso un caricatore di pistola e continueranno a correrti incontro insultandoti e sparando come forsennati. Usate gli esplosivi.

– In Africa donne e bambini non esistono. Gli Africani si riproducono per partenogenesi. In alternativa, gli africani nascondono i loro bambini. Il che mi fa pensare che molto probabilmente nel gioco ne avrò arrostiti qualche centinaio.

– Il saluto nazionale in Africa è la pallottola in faccia.

Far Cry 2 Botto

Tiè! TIEEE’! Forse così schiatteranno?

Alla fin fine il gioco è uno sparatutto free-roaming ricco di tante idee ma quasi completamente privo di ritmo. L’assenza di varietà in effetti gli sta tarpando parecchio le ali (sono al 57% del gioco) e non so se riuscirò a portarlo effettivamente a termine prima di udire una piccola deflagrazione nelle mie parti intime. Certo, le cose da fare sono tante, gli scontri a fuoco son divertenti, ci sono parecchie armi e guidare i mezzi è pure divertente. Andava tutto mischiato in modo più dinamico, magari risparmiando al giocatore lo strazio di farsi 30 miglia nel nulla per andare a piazzare una pallottola in fronte ad un tizio (“Ciao, come va?”) nell’ennesima missione secondaria. Il continuo cambiare di fronte del nostro personaggio (a volte persino involontario) di certo non aiuta a immedesimarsi o immergersi nella trama.

Il cambio di sviluppatore rispetto al primo si nota eccome per tutta una serie di motivi, primi fra tutti le dinamiche degli scontri a fuoco completamente differenti e la notevole assenza di Exogini. Nonostante i problemi di ripetitività e assenza di una narrazione particolarmente intrippante ho trascorso la mia ventina di orette col gioco e sono dunque molto curioso di capire come risulterà il terzo capitolo, che sembra riprendere molto le corde del 2 spettacolarizzando ulteriormente il tutto. Vediamo un po’…

From → Articolame, Giudizi

6 commenti
  1. – Il saluto nazionale in Africa è la pallottola in faccia.

    LOL, spettacolare!😄

  2. A me è arrivata una scintilla fortissima sugli zebedei ed ho rinunciato ben prima del 30%. Forse solo RDR è più noioso di questi. Ferno restando che conserva ampiamente tutti i pregi da te elencati. Ma non ce l’ho fatta.

  3. secondo me è un gran gioco rovinato da una pessima gestione delle missioni (troppe e allungate). tutt’ora per i miei gusti è l’fps free-roaming con le mappe più gustose e belle in cui giocare, sarà che un ambientazione del genere e usata in manier così intrigante ce l’ha avuto solo quella perfezione di jagged alliance 2. insomma peccato ripeto l’annacquamento del tutto, io far cry 2 l’ho finito con fatica (verso la fine si guadagna un poco di ritmo) dopo averlo interrotto. spero molto nel 3.

    • Infatti lo sto portando avanti a piccole dosi. Così va meglio.😀

      Ma sbaglio o il deltaplano è inutile?

      • si è una schifezza il deltaplano, l’ho usato solo in una missione per non scendere a piedi da un dirupo che cmq si poteva benissimo percorrere a piedi, cmq mi sono riletto il mio commento e sembro un dislessico cerebroleso, colpa tua che mi stimoli a leggere cose (outcast e il tuo blog) a mezzanotte in un giorno in cui mi sono svegliato alle sei! la stanchezza fa più delle droghe

  4. Diciamo che la prima volta che ho trovato il deltaplano l’ho preso, mi sono schiantato e sono morto. Ho ricaricato, ho riprovato e dopo quattro tentativi sono planato di tipo 400 metri…

    Poi l’ho abbandonato li…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: