Skip to content

I mostri scemi di Super Monsters Ate My Condo

by su 10 marzo 2013

super_MonstersUn fantastico effetto della ribalta di smartphone e tablet è il continuo proliferare di colorati puzzle game, qualcosa che mi ha riportato con la mente ai golosi giorni dell’Amiga, quando un giorno si e l’altro pure veniva pubblicato qualche rompicapo. Come forse avrete intuito, Super Monsters Ate My Condo rientra in questa categoria.

E ci rientra con una feroce scarica di follia e colori, a partire dalla premessa che vede il giocatore impegnato a gestire i colorati piani di un palazzo che viene aggredito da idiotissimi mostri giganti. Nel gioco saremo impegnati a far scorrere via suddetti piani (che cadono continuamente dall’alto) dandoli in pasto ai mostri presenti ai due lati dell’edificio, secondo un set di regole molto semplice che viene spiegato – in italiano – nel completo tutorial del gioco. Un aspetto sorprendente di Super Monsters Ate My Condo è che si tratta di un videogame completamente gratuito sviluppato da Adult Swim con una qualità a dir poco sorprendente. Si, ok, c’è la solita manciata di bonus acquistabili pagando denaro sonante ma posso garantire che si gioca benissimo anche senza cacciare un euro (per quanto, considerata la qualità del gioco, qualche soldino fossi in voi glielo manderei…).

Di seguito il trailer ufficiale, ricordandovi che Super Monsters Ate My Condo è disponibile per smartphone e tablet iOS e Android.

From → Articolame, Giudizi

Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: